Impara le idee chiave del libro di Cal Newport

Deep work

Come lavorare in maniera focalizzata ed evitare distrazioni

Il "lavoro profondo" – termine coniato dallo stesso Cal Newport - è la capacità di concentrarsi senza distrazione su un compito intellettuale sfidante. Nell'attuale economia dell'informazione quest'abilità è un superpotere che permette a chi lo possiede di prosperare e ottenere risultati di eccellenza. In questo libro l'autore spiega perché sviluppare e coltivare una pratica di lavoro profondo sia una delle migliori decisioni che puoi prendere in un mondo sempre più distratto e fornisce tante indicazioni pratiche per farlo.

Deep work
Leggi in 21 min.
Ascolta in 26 min.
IDEA CHIAVE 1/10

Lavoro Profondo vs Lavoro Superficiale: la situazione dei moderni lavoratori della conoscenza

Il “lavoro profondo” - definizione coniata da Cal Newport stesso - comprende quelle attività professionali che vengono attuate in uno stato di concentrazione priva di distrazioni che spinge le nostre capacità cognitive al loro limite più alto. Questi sforzi creano nuovo valore, migliorano la nostra abilità e sono difficili da replicare. In pratica, il lavoro profondo ci permette di “spremere” fino all'ultima goccia di valore della nostra capacità intellettuale. Non a caso le vite di molte figure influenti della storia recente e passata sono accomunate dall'impegno verso un lavoro profondo: uno su tutti Carl Jung, che aveva addirittura costruito una torre dove trascorreva periodi in isolamento intellettuale profondo. Eppure l'approccio di molti intellettuali del passato contrasta nettamente con quello dei moderni “lavoratori della conoscenza”, caratterizzati da una tendenza alla distrazione incrementata dagli onnipresenti sistemi di networking (e-mail, sms, WhatsApp e altra messaggistica istantanea, social media e feed digitali). La diffusione incrementale di questi sistemi e la loro accessibilità ubiqua hanno drasticamente frammentato l'attenzione della maggior parte dei lavoratori della conoscenza, e questo stato di attenzione frammentata è in netto contrasto con il lavoro profondo, che richiede lunghi periodi di pensiero ininterrotto. Al tempo stesso però non si può dire che i moderni lavoratori della conoscenza trascorrano le loro giornate lavorative nell'ozio: anzi, sembrano – e si sentono - più occupati che mai. Da dove deriva dunque questa incongruenza? Per spiegarlo dobbiamo introdurre il concetto di “lavoro superficiale”, ovvero quelle attività di tipo logistico che non richiedono uno sforzo cognitivo, spesso implementate mentre si è in uno stato di distrazione. Queste attività tendono a non creare molto nuovo valore nel mondo e sono facili da replicare. In pratica: l'opposto del lavoro profondo. Nell'epoca dei sistemi di networking, quindi, i lavoratori della conoscenza sempre di più sostituiscono il lavoro profondo con l'alternativa superficiale, un'attitudine per molte ragioni non facile da modificare.

  

Le idee chiave di "Deep work"

01.
Lavoro Profondo vs Lavoro Superficiale: la situazione dei moderni lavoratori della conoscenza
02.
Il valore del lavoro profondo nell'economia dell'informazione e il potere delle “superstar”
03.
Il lavoro profondo come catalizzatore di soddisfazione e “significato”
04.
Perché le aziende moderne enfatizzano il lavoro superficiale anziché il lavoro profondo
05.
Come implementare il lavoro profondo nella propria vita: l'importanza di routine e rituali
06.
Utilizza il riposo sistematico e la meditazione produttiva per lavorare più profondamente
07.
Allontanare la distrazione dei social media, il principale ostacolo al lavoro profondo
08.
Finisci di lavorare ogni giorno alla stessa ora e altre strategie per arginare il superficiale
09.
Citazioni
10.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!