Impara le idee chiave del libro di David Epstein

Generalisti

Come la conoscenza allargata sia la chiave per il futuro

Le storie di innovazione e di successo vengono spesso raccontate come tragitti lineari, strade precise che portano da A a B, dandoci l’idea che siano percorsi altamente specializzati e privi di deviazioni. Con il suo libro, David Epstein ci dimostra che non è così. Generalisti non solo ci dimostra che specializzarsi in un solo ambito non è una strategia efficace per conseguire risultati importanti, ma ci tranquillizza anche sul fatto che sperimentare e provare tante strade è il modo migliore per capire chi siamo, realizzarci come individui e nello stesso tempo dare un contributo utile a migliorare il mondo.

Generalisti
Leggi in 19 min.
Ascolta in 24 min.
IDEA CHIAVE 1/12

Ci viene insegnato che specializzarsi presto è la chiave per raggiungere l’eccellenza in qualsiasi settore: siamo sicuri che sia vero?

Tiger Woods e Roger Federer sono due sportivi di grande successo, che rappresentano due approcci diversi per arrivare all’eccellenza.

Tiger Woods inizia praticamente ancora in fasce il suo allenamento al golf, il padre se ne occupa personalmente e Tiger già da piccolissimo è destinato a diventare un campione.

Roger Federer ha una madre allenatrice di tennis, che non lo esorta a dedicarsi a questo sport, ma al contrario lo incoraggia provare tanti sport diversi. La sua famiglia non ha particolari aspettative per lui, né aspirazioni; Roger viene lasciato libero di sperimentare e soprattutto di divertirsi. Ama gli sport in generale e in particolare quelli che prevedono l’uso della palla; prende le attività sportive a cuor leggero, con curiosità e desiderio di buttarsi in nuove avventure.

Tiger a quattro anni è già in grado di passare otto ore sul campo da golf, a otto anni batte già il padre, che tra l’altro ha un passato come sportivo.

L’incredibile formazione sportiva di Tiger Woods è stata oggetto di tanti studi e di bestseller sullo sviluppo delle competenze. Grazie al suo caso, si parla di “allenamento deliberato”, che consiste nel ripetere gli stessi esercizi, sotto la supervisione di un allenatore, dopo aver ricevuto specifiche istruzioni su come farli al meglio, e ottenendo feedback in modo tale da migliorare continuamente le prestazioni.

Da questa logica si è giunti anche alla regola delle 10.000 ore: per diventare eccellenti in qualsiasi campo, occorrono almeno 10.000 ore di pratica, di “allenamento deliberato”.  Ne consegue che prima si inizia, meglio è. Chi parte da molto piccolo, come è stato per Tiger Woods, ha un vantaggio iniziale.

Specializzarsi da molto piccoli, secondo questo approccio, è la cosa migliore. Ci viene insegnato che è importante focalizzare molto presto i nostri sforzi; non solo dobbiamo diventare specializzati, ma dobbiamo diventarlo presto!

Eppure, non funziona proprio così, o perlomeno non “solo” così, perché altrimenti non si spiegherebbe la strepitosa carriera di Roger Federer nel mondo del tennis, né di tanti altri atleti, artisti, imprenditori, che si sono specializzati tardi, dopo aver provato tante diverse alternative.

  

Le idee chiave di "Generalisti"

01.
Ci viene insegnato che specializzarsi presto è la chiave per raggiungere l’eccellenza in qualsiasi settore: siamo sicuri che sia vero?
02.
Avere una preparazione ad ampio raggio può fare la differenza nel mondo “malvagio”, ossia il mondo aperto e imprevedibile in cui viviamo
03.
Usare il coltellino svizzero concettuale vuol dire utilizzare quel (poco) che sappiamo per cercare di indovinare ciò che ignoriamo
04.
Un apprendimento più efficiente sulla lunga distanza deriva da un apprendimento immediato inefficiente
05.
Pensare fuori dal proprio ambito utilizzando l’analogia, ovvero spaziando tra i diversi campi della conoscenza
06.
Sperimentare sempre e saper riconoscere quando è arrivato il momento di cambiare
07.
Impariamo chi siamo strada facendo e nel percorso vale la pena esplorare diverse versioni di noi stessi
08.
Il pensiero laterale applicato all’innovazione: usare il vecchio in modo nuovo
09.
L’esperienza inganna e una conoscenza priva di ampiezza può rivelarsi completamente inutile
10.
Un outsider può vedere cose che a un esperto sfuggono
11.
Citazioni
12.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!