Home Crescita Personale Il metodo Tiny Habits

Impara le idee chiave del libro di BJ Fogg

Il metodo Tiny Habits

Trasformare se stessi un passo alla volta

BJ Fogg è uno studioso americano, ricercatore alla Stanford University, specializzato nel cambiamento comportamentale: nel suo Tiny Habits analizza il metodo migliore per modificare i propri comportamenti, inserendo nuove abitudini in maniera graduale in modo da ottenere un vero miglioramento, stabile e definitivo. Ridimensionare i passaggi per modificare il proprio atteggiamento attraverso un metodo sistematico è infatti un momento fondamentale nel processo di acquisizione di una nuova abitudine, importante per non farsi sopraffare dal cambiamento e per migliorare di giorno in giorno, un passo alla volta.

Il metodo Tiny Habits
Leggi in 15 min.
Ascolta in 18 min.
IDEA CHIAVE 1/10

Il metodo dei “tiny habits”: si può cambiare vita grazie ai “piccoli passi”

Il cambiamento può essere più semplice e divertente del previsto. Cambiare in positivo non è difficile come si pensa, ma per poter ottenere questo obiettivo e modificare i propri comportamenti è fondamentale concentrarsi su tre atteggiamenti elementari: bisogna smettere di giudicare se stessi, valutare bene le proprie aspirazioni e suddividerle in elementi più “piccoli” rispetto alla loro totalità, accettare gli errori come scoperte e usarli per andare avanti.

Il modo migliore per cambiare è facendolo, ed è fondamentale sentirsi meglio e non peggio quando si varia la propria routine: non è necessaria alcuna volontà eccezionale rispetto a ciò che ci si sente di fare, nè tantomeno un periodo di tempo minimo che deve passare in modo da poter ottenere il cambiamento; non ci sono pressioni ma semplicemente la necessità di ridisegnare i propri comportamenti. Creare abitudini positive, a piccoli passi e in maniera semplice, è l'inizio di un percorso che permette di ottenere cambiamenti ben più grandi. L’essenza di questo metodo, che può essere definito quello dei “tiny habits”, in italiano dei “piccoli passi”, è semplice: bisogna analizzare il comportamento che si vuole introdurre tra le proprie abitudini, renderlo più “piccolo” semplificandolo e dividendolo in passaggi più brevi in modo da dargli un posto nella propria vita e nutrirlo fino a farlo crescere.

Per creare un vero cambiamento a lungo termine basta cominciare da qualcosa di piccolo: agire in questo modo significa potersi muovere in maniera più veloce, cominciare da subito e avere a che fare con un metodo più sicuro rispetto a un completo lancio nel vuoto.  Un buon esempio per inserire una nuova abitudine positiva tra le proprie è quello di cominciare ogni giornata ripetendosi che “sarà una bella giornata, perlomeno in qualche modo”: proprio la parte finale della frase, grazie all’avverbio “in qualche modo”, è più tranquillizzante, si adatta meglio alla realtà e alla fattibilità delle cose e permette, ripetendola, di rassicurarsi e partire con più stabilità. Le piccole abitudini possono diventare grandi, e partire “dal basso” significa poterle trasformare e modificare in maniera più semplice rispetto all’approccio necessario per i cambiamenti più importanti e di conseguenza impegnativi da gestire.

  

Le idee chiave di "Il metodo Tiny Habits"

01.
Il metodo dei “tiny habits”: si può cambiare vita grazie ai “piccoli passi”
02.
La base dei “piccoli passi”: per imparare una nuova abitudine bisogna agire poco alla volta, con costanza
03.
Individuare le proprie aspirazioni, reagire con la motivazione: si comincia con piccoli obiettivi
04.
Per raggiungere i propri traguardi occorrono obiettivi adatti alle proprie capacità e inclinazioni
05.
Piccoli passi, grandi cambiamenti: dai microcomportamenti alla routine
06.
L’importanza del rinforzo positivo: per avere successo bisogna celebrare ogni traguardo raggiunto
07.
Per cambiare abitudini e assumerne di nuove è bene eliminare quelle negative o dannose
08.
La cultura del cambiamento non è solo individuale ma anche di gruppo
09.
Citazioni
10.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!