Home Psicologia La trappola della felicità

Impara le idee chiave del libro di Russ Harris

La trappola della felicità

Imparare a superare le difficoltà e vivere la vita

La trappola della felicità insegna a riconoscere la gabbia mentale in cui siamo imprigionati quando cerchiamo la felicità. Quando impariamo a fare spazio anche ai pensieri e alle emozioni spiacevoli e a ridurre l’impatto che hanno sulla nostra vita, possiamo finalmente mettere tutta la nostra attenzione ed energia nella realizzazione di un’esistenza ricca di significato. Imparando a sviluppare la flessibilità psicologica, comprenderemo l’importanza di vivere nel presente, riconoscere i nostri valori più profondi e agire nella direzione che essi ci mostrano. Non serve a niente cercare di “fermare” la felicità, dobbiamo piuttosto liberarci dalla prigione in cui la mente ci tiene rinchiusi: in questa impresa, la consapevolezza è il nostro alleato più prezioso.

La trappola della felicità
Leggi in 17 min.
Ascolta in 21 min.

Tanti suggerimenti utili per:

  • Sviluppare la flessibilità psicologica necessaria per superare le difficoltà.
  • Imparare a trasformare la propria vita in qualcosa che valga la pena di essere vissuto.
  • Uscire dalle trappole mentali in cui spesso ci troviamo bloccati.

L’autore del libro:

Russ Harris è medico e psicoterapeuta, esperto in gestione dello stress e dell’ansia. Promuove l’utilizzo dei principi dell’ACT (Acceptance and Commitment Therapy) e della flessibilità psicologica per risolvere problemi personali e professionali e migliorare la qualità della vita delle persone.

IDEA CHIAVE 1/15

Il significato che diamo alla parola felicità può fare la differenza

La mente dell’uomo primitivo era predisposta per garantirne la sopravvivenza, evitare i pericoli e assicurare la continuazione della specie. Questa predisposizione si rivelò quanto di più utile potesse esserci e con il passare dei secoli e dei millenni la mente umana diventò sempre più abile nel farci intuire, vedere e prevedere i pericoli e le insidie che fanno parte dell’esistenza stessa. Non ha mai smesso di fare il suo lavoro e ancora oggi la sua funzione è quella di valutare costantemente le situazioni che stiamo vivendo per capire velocemente se siamo a rischio o meno. Con le migliori intenzioni, la mente umana è naturalmente portatrice di sofferenza: se accettiamo questo fatto e non pretendiamo di cambiarlo, faremo un salto di qualità nelle nostre esistenze.

Se diamo alla parola felicità solo il significato di “sentirci bene”, non andremo lontano, perché le sensazioni piacevoli sono effimere, destinate a svanire; se al contrario per felicità intendiamo vivere una vita ricca e piena di significato, allora le cose cambiano. Non cercheremo più di vivere solamente sensazioni di piacere fugace, ma di dare un senso profondo alla nostra esistenza, ricordandoci che una vita vissuta pienamente, comprende tutta la gamma delle emozioni umane, dolore incluso.

  

Le idee chiave di "La trappola della felicità"

01.
Il significato che diamo alla parola felicità può fare la differenza
02.
I miti da sfatare sulla felicità
03.
La soluzione è il problema per riuscire a sentirci bene
04.
Sviluppare la flessibilità psicologica con l’aiuto di mindfulness, valori e azione
05.
I nostri pensieri non sono verità assolute
06.
Accettare emozioni e pensieri spiacevoli per cambiare in meglio la nostra vita
07.
Un alleato prezioso per la trasformazione della nostra vita: il sé osservante
08.
Smettere di giudicare le nostre emozioni
09.
Avere maggiore consapevolezza prestando attenzione al respiro
10.
Il ruolo del sé pensante e l’inutilità dell’autostima
11.
Siamo molto di più dei nostri pensieri
12.
Crearsi una vita che valga la pena di essere vissuta
13.
Il disagio è quella cosa che si frappone tra noi e la nostra meta
14.
Citazioni
15.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!