Home Economia The Death of Expertise

Impara le idee chiave del libro di Tom Nichols

The Death of Expertise

Accrescere le proprie competenze per migliorare la società

The Death of Expertise di Tom Nichols realizza un’analisi sui tempi attuali, e su come l’accesso facilitato delle persone a una sempre maggiore conoscenza non sia sinonimo di maggiore istruzione ma bensì di mala informazione, vedendo così nascere un vero rifiuto verso i consigli degli esperti. Una riflessione su come sarebbe necessario che i cittadini, per diventare “padroni”, acquisissero una virtù civica che li coinvolga attivamente nella gestione del proprio Paese.

The Death of Expertise
Leggi in 15 min.
Ascolta in 19 min.

Tanti suggerimenti utili per:

  • Chi vuole un libro basato su solide ricerche capace di affrontare un fenomeno nuovo e preoccupante in maniera chiara e argomentata.
  • Conoscere i pericoli di uno pseudo egualitarismo intellettuale narcisistico che pone sullo stesso piano le opinioni di chiunque.
  • Chi desidera riflettere sulla relazione esistente tra esperti e cittadini in una democrazia, sul perché questa relazione stia collassando e su cosa possiamo fare per salvarla.

L’autore del libro:

Tom Nichols è professore di Affari di Sicurezza Nazionale presso l'US Naval War College e professore a contratto alla Harvard Extension School. E’ stato assistente presso il Senato degli Stati Uniti. È anche autore di numerosi lavori sulla politica estera e sulla sicurezza internazionale, tra cui The Sacred CauseNo Use: Nuclear Weapons and U.S. National SecurityEve of Desctruction: The Coming Age of Preventive War e The Russian Presidency.

IDEA CHIAVE 1/11

Il mancato rispetto verso la conoscenza come problema dei tempi odierni

Il problema oggi, non è la mancanza di conoscenza ma il fatto che siamo orgogliosi di non sapere niente. Negli Stati Uniti siamo arrivati al punto che l’ignoranza è considerata una virtù. Rifiutare i consigli degli esperti significa affermare la propria autonomia, proteggere il proprio fragile ego dalla possibilità che qualcuno ci dica che stiamo sbagliando, che abbiamo torto.
Non si tratta della tradizionale avversione americana per gli intellettuali, è qualcosa di più, le persone oggi non sono solo disinformate ma oppongono una resistenza attiva nei confronti dell’apprendimento. Ogni affermazione di competenza è considerata una forma di elitarismo antidemocratico.
Importanti cambiamenti sociali nell’ultimo mezzo secolo hanno rotto le antiche barriere di razza, classe e sesso, hanno posto esperti e cittadini a più diretto contatto, eppure il risultato non è stato un maggior rispetto verso la conoscenza, ma la crescita di una credenza irrazionale secondo la quale ognuno è intelligente quanto chiunque altro. Lo scopo dell’istruzione dovrebbe essere quello di indurre un’educazione permanente, cioè farci diventare persone che vogliono imparare per il resto della loro vita. Oggi al contrario viviamo in una società dove la più piccola acquisizione di conoscenza è considerata un punto di arrivo.

  

Le idee chiave di "The Death of Expertise"

01.
Il mancato rispetto verso la conoscenza come problema dei tempi odierni
02.
L’opinione degli esperti non ha più valore, oggi qualsiasi opinione è valida
03.
La morte della competenza influisce anche sulla salute della democrazia
04.
Che cosa ci aiuta ad individuare un esperto?
05.
Gli atteggiamenti che ci fanno presumere di essere “sopra la media”
06.
Istruzione è sinonimo di intelligenza?
07.
Internet ha cambiato il nostro modo di ragionare e di informarci
08.
Il nuovo giornalismo offre ai consumatori quello che vogliono e non quello che è importante
09.
I compiti degli esperti e dei cittadini
10.
Citazioni
11.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!