Home Economia The War of Normal People

Impara le idee chiave del libro di Andrew Yang

The War of Normal People

Come prevenire la disoccupazione attraverso la soluzione UBI

Automazione, intelligenza artificiale, globalizzazione. Sono le tre teste di un mostro che minaccia il domani della classe lavoratrice americana con la promessa di cancellare milioni di posti di lavoro. Partendo da un’analisi puntuale e convincente del panorama socio-economico degli Stati Uniti, Yang all’interno di The War of Normal People descrive l’impatto – in parte già in corso – delle nuove tecnologie sugli americani che percepiscono salari orari inferiori ai 20 dollari l’ora: camionisti, operai, camerieri, ma anche impiegati. Per contrastare gli effetti della perdita prevista di milioni di posti di lavoro, Yang propone l’istituzione di un reddito base universale che porti tutti sopra la soglia di povertà e che permetta di far nascere un capitalismo “umano centrico” basato su una moneta nuova: il tempo.

The War of Normal People
Leggi in 19 min.
Ascolta in 24 min.

Tanti suggerimenti utili per:

  • Conoscere la situazione economica e politica degli Stati Uniti.
  • Informarsi sugli effetti “sociali” dei progressi dell’automazione e dell’Intelligenza Artificiale.
  • Conoscere la proposta elettorale di uno dei candidati alla Presidenza 2020.

L’autore del libro:

Andrew Yang, imprenditore e scrittore, è in corsa per la Presidenza degli Stati Uniti per i Democratici alle elezioni del 2020. Diventato milionario con la vendita della sua startup Manhattan Prep, nel 2011 ha fondato Venture for America, società no profit che si propone di creare nuove opportunità economiche nelle zone disagiate del Paese, sostenendo le attività di giovani neoimprenditori. Al centro della sua proposta elettorale, il reddito base universale per tutti gli americani tra i 18 e i 64 anni.
IDEA CHIAVE 1/9

Le automazioni stanno cambiando il mondo del lavoro, come prevenire la disoccupazione?

Chi è la “gente normale”? È la classe media, alla quale il 70% degli americani ritiene di appartenere. La domanda è: che cosa farà la gente normale nei prossimi anni? Automazione e intelligenza artificiale stanno spingendo fuori dal mercato del lavoro le persone, i posti di lavoro perduti saranno migliaia nell’immediato futuro. Proprio adesso, alcune delle persone più intelligenti del paese stanno cercando una versione più a buon mercato di te: un lavoratore straniero, un software, un robot. Non c'è cattiveria in questo. Il mercato premia chi fa le cose in maniera più efficiente e l'efficienza ama le cose fatte in modo efficace e al minor costo possibile. Un'ondata di automazione e perdita di posti di lavoro non è la visione di un futuro distopico, ma una trasformazione già in atto.

I numeri raccontano una storia che finora abbiamo voluto ignorare: c'è una massa crescente di disoccupati permanenti, l'automazione sta accelerando al punto da incidere sugli assetti sociali e sul nostro stile di vita. Un rapporto rilasciato dalla Casa Bianca nel dicembre del 2016 traccia il panorama dei prossimi 15/20 anni: l'83% dei lavori pagati meno di 20 dollari l'ora sarà automatizzato. Secondo il rapporto, tra i 2,2 e 3,1 milioni di conducenti di auto, autobus e camion spariranno con l'avvento dei veicoli auto-guidati. Guidare un camion è uno dei lavori più comuni in 29 Stati. Lo stesso vale per l'innovazione che "toccherà" cassieri, lavoratori dei fast-food, persone che si occupano di assistenza ai clienti. L'automazione ha già eliminato 4 milioni di posti di lavoro nell'industria manifatturiera dal 2000 a oggi.
La forza lavoro negli Stati Uniti è oggi 62,5%, livello inferiore a quello di quasi tutti gli altri Paesi industrializzati. Il numero degli americani che non fa parte della forza lavoro è pari a 95 milioni.
Questo è il fenomeno che chiamo The Great Displacement (Il Grande Spostamento). Si tratta della questione sociale, non soltanto economica, più pressante del nostro tempo: il disagio dovuto alla disoccupazione porta alla crescita di problemi sociali, incluse le violenze domestiche, la depressione, l'uso di droghe. C'è un'entità che può riformare la società e impedire che una gran parte degli Stati Uniti diventi senza lavoro e senza futuro, lo Stato Federale, che però al momento non ha né il bilancio né la struttura per agire. Per ridurre gli effetti del Great Displacement è necessario investire in educazione, apprendistato, formazione, incentivi fiscali, ma agire secondo le politiche consuete non è sufficiente, perché siamo abituati a pensare che il mercato risolve la maggior parte dei problemi, ma stavolta sarà il contrario.

  

Le idee chiave di "The War of Normal People"

01.
Le automazioni stanno cambiando il mondo del lavoro, come prevenire la disoccupazione?
02.
Qual è lo scenario occupazionale in America degli ultimi anni?
03.
Com’è cambiato il mondo del lavoro nel corso dei decenni
04.
I numeri del mondo del lavoro americano: impieghi, salari e le possibili perdite legate all’automazione
05.
Cambiano i posti di lavoro ma cambiano anche gli altri aspetti legati alla nostra vita
06.
La soluzione per cambiare le cose si chiama UBI, che cos’è?
07.
Un nuovo modello di capitalismo basato sulla persona
08.
Citazioni
09.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!