Impara le idee chiave del libro di Damon Zahariades

To-Do List Formula

Imparare a utilizzare le liste per organizzarsi in maniera efficace

Fare liste delle attività è uno dei metodi più semplici per organizzare il lavoro e gli impegni personali, ma come spiega il metodo “lista delle cose da fare”, la sua semplicità non lo rende automaticamente facile da praticare. Sono molti gli errori che possono essere commessi e che lo rendono inutile, se non addirittura dannoso. Inoltre, non esiste un solo modo di fare liste, e imparare qual è il più adeguato alla propria personalità e alle proprie esigenze è il primo passo da fare per padroneggiare un sistema di organizzazione che funzioni davvero.

To-Do List Formula
Leggi in 12 min.
Ascolta in 15 min.

Tanti suggerimenti utili per:

  • Imparare un metodo di gestione delle attività e della vita privata davvero efficiente.
  • Evitare gli errori comuni che ostacolano la capacità di organizzazione.
  • Scoprire tanti metodi diversi di fare liste per poter scegliere quello più efficace.

L’autore del libro:

Damon Zahariades, autore e consulente, dedica la sua attenzione al mondo della produttività, proponendo modelli per la gestione del tempo e strategie per aumentare l'efficienza. Fondatore di AOP (ArtofProductivity.com), ha lasciato il suo lavoro come dipendente 10 anni fa per riprendere il controllo della propria vita professionale e del proprio tempo, lavorando come consulente.

IDEA CHIAVE 1/12

Senza scadenze, siamo destinati a lasciarci andare all'inattività

La to do list (lista delle attività) è forse il più semplice tra gli strumenti di organizzazione del lavoro, e se ben usato può essere molto efficace. Purtroppo, proprio per la sua semplicità, è spesso impiegato senza attenzione e rischia di creare più problemi di quanti non ne risolva. Vediamo quali sono gli errori più comuni che trasformano una to do list da strumento in ostacolo.

Il primo problema è che spesso la lista non contiene scadenze, ci si limita a fare un elenco che non serve a molto: le scadenze sono l'elemento fondamentale per gestire le priorità correttamente e non rimandare le attività. Ammettiamolo, la maggioranza di noi tende a posporre quello che non ama, la mancanza di una scadenza toglie impeto all'azione.
Il secondo aspetto che può danneggiare la to do list è la sua lunghezza. Gli effetti negativi sono due: prima di tutto, le liste infinite distraggono l'attenzione invece di aiutarci a focalizzare. Soprattutto se non si è bravi a gerarchizzare, si rischia di perdere di vista le cose importanti, "disperse" in mezzo a tante attività. In più, sono demotivanti: troppe cose da fare significano un piano irrealistico, che porta a scoraggiarci. Fallendo giorno dopo giorno nel completare le attività, cominciamo ad accettare questa incapacità e peggioriamo la nostra tendenza a procrastinare.

  

Le idee chiave di "To-Do List Formula"

01.
Senza scadenze, siamo destinati a lasciarci andare all'inattività
02.
Due ostacoli da evitare: mischiare cose e creare varianti
03.
Perché devo farlo? La funzione dello scopo
04.
La regola di base della lista che funziona
05.
Alcuni tipi di lista: scegli la tua ricetta preferita
06.
Una board speciale, la Kanban
07.
Il sistema a matrice
08.
GTD: il metodo Gettings Things Done di David Allen
09.
Come creare la lista perfetta
10.
Manutenzione del sistema
11.
Citazioni
12.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!