Home Storia e Filosofia Utopia for Realists

Impara le idee chiave del libro di Rutger Bregman

Utopia for Realists

Pensare realisticamente a un nuovo mondo

Nel 2014, il TED Talk di Rutger Bregman sul reddito di base universale sembrava incredibilmente radicale. Oggi, l'argomento di quel video è preso seriamente in considerazione dai principali economisti e leader di governo di tutto il mondo. Ogni pietra miliare della civiltà – dalla fine della schiavitù all'inizio della democrazia – in un primo momento era considerata una fantasia utopica. Utopia for Realists dimostra che nuove idee utopiche, come l'eliminazione della povertà, la creazione della settimana lavorativa di quindici ore o l’abolizione dei confini, possono diventare realtà. Essere irrealistici e irragionevoli è l'unico modo per rendere inevitabile l'impossibile, e costruire il mondo ideale.

Utopia for Realists
Leggi in 19 min.
Ascolta in 24 min.
IDEA CHIAVE 1/6

Viviamo nella terra dell’abbondanza, ma siamo insoddisfatti: c’è urgente bisogno di nuove utopie

La maggior parte della storia umana è stata dura: solo poco tempo fa le cose hanno iniziato a migliorare grazie alle scoperte scientifiche e ai progressi tecnologici. Gli ultimi due secoli hanno visto un’esplosiva crescita sia nella popolazione che nella prosperità in tutto il mondo. Oggi abitiamo quello che nel Medioevo sarebbe stato considerato il Paese della Cuccagna. Secondo gli storici, un italiano medio nel 1300 guadagnava l’equivalente di circa 1.600 dollari. Sei secoli dopo guadagnava più o meno la stessa cifra, nonostante molte importanti invenzioni e scoperte scientifiche. Poi, dalla Rivoluzione Industriale c'è stata un'esplosione della ricchezza mondiale e oggi un italiano è in media 15 volte più ricco che nel 1880. Le cose stanno cambiando così rapidamente che il prezzo dell'energia solare è sceso del 99% dal 1980! Negli ultimi cento anni miliardi di persone hanno raggiunto un livello di stabilità e comfort che sarebbe sembrato impossibile ai nostri predecessori. Dopo anni di fame, ora è più probabile che le persone siano obese che affamate. Siamo anche più sicuri - ad esempio, il tasso di omicidi è più basso nell'Europa occidentale rispetto a secoli fa -, e poiché sempre meno persone muoiono di malattie, l'aspettativa di vita è aumentata. Un visitatore del Medioevo sarebbe stupito da quanto siamo tecnologicamente avanzati: basti pensare alle gambe robotiche per i paraplegici o alle operazioni per restituire la vista ai miopi. La maggior parte di noi vive in un mondo in cui ha accesso a molte cose che le persone non avevano solo pochi decenni fa. Nella Terra dell’Abbondanza quasi tutti sono ricchi, al sicuro, in salute: la sola cosa che manca è una ragione per alzarsi al mattino, perché non puoi migliorare se sei già in paradiso. Anche se abbiamo più risorse e ricchezza di prima, lavoriamo tutti più duramente che mai. Al tempo stesso, milioni di persone vivono ancora in povertà, quando ci sarebbero abbastanza soldi per risolvere il problema. Possiamo permetterci di fare tutto ciò che vogliamo, ma molte persone sono ancora infelici, forse perché hanno dimenticato come sognare in grande. Sono troppo assuefatte alle loro comodità e non hanno più obiettivi. È tempo di ripensare a cosa sia il progresso e a come possiamo migliorare la nostra vita al di là dello spendere soldi in beni materiali. Il capitalismo ha aperto le porte alla Terra dell'Abbondanza, ma il capitalismo da solo non può sostenerla. Il progresso è diventato sinonimo di prosperità economica, ma il XXI secolo ci sfida a trovare altri modi per migliorare la qualità della nostra vita. Dobbiamo immaginare una nuova utopia in cui cambiamo la società e l'economia affinché la vita di tutti sia migliore. La parola utopia significa sia “buon posto” che “nessun posto”: ciò di cui abbiamo bisogno sono orizzonti alternativi che accendano l'immaginazione. Si parla di orizzonti al plurale poiché le utopie contrastanti sono la linfa vitale della democrazia. C'è un sentimento comune che i cambiamenti significativi siano lenti, ma questo non è necessariamente vero, non tutti i cambiamenti devono essere graduali. Anzi, storicamente il cambiamento ideologico avviene molto rapidamente. Questo cambiamento è compito della Politica con la P maiuscola, quella che non riguarda le regole, bensì la rivoluzione, non l'arte del possibile, ma il rendere inevitabile l'impossibile. La fine della schiavitù, l'emancipazione delle donne, l'ascesa dello stato sociale, erano tutte idee progressiste che all'inizio sembravano folli e irrazionali, ma alla fine sono state accettate e sono diventate buon senso di base.

  

Le idee chiave di "Utopia for Realists"

01.
Viviamo nella terra dell’abbondanza, ma siamo insoddisfatti: c’è urgente bisogno di nuove utopie
02.
Perché il reddito di base universale (UBI) è un modo efficace per migliorare la vita delle persone
03.
La settimana lavorativa da 15 ore e i suoi benefici sulla società: meno stress, meno inquinamento, meno disoccupazione e una più equa distribuzione del lavoro
04.
I confini aperti potrebbero aumentare il reddito in tutto il mondo
05.
Citazioni
06.
Da Ricordare
 
 
preview.img

Prova 4books Premium gratis!